Coordinamento CARE

Coordinamento delle Associazioni familiari Adottive e Affidatarie in Rete

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Altre attività
Altre attività


UNA CARTA DI INTENTI PER LA SCUOLA

di Livia Botta

Ha preso avvio un processo di riflessione e approfondi­mento sfociato in moltepli­ci e importanti iniziative: proposte formative rivolte agli insegnanti e agli ope­ratori dell'adozione, messa a punto di prassi condivise (linee guida, protocolli, va­demecum per insegnanti), sperimentazioni di buone pratiche didattiche e di ac­coglienza. Alcune questio­ni cruciali (dopo quanto tempo dall'arrivo inserire i bambini a scuola e in qua­le classe, come affrontare lo studio della storia perso­nale e la questione della diversità etnica) sono ogget­to di riflessione e dibattito in diverse sedi: dal gruppo di lavoro del MIUR recen­temente costituito alle as­sociazioni di genitori.

Leggi tutto...
 

Coordinamento CARE - Intervista a Monya Ferritti

Ne parliamo con Monya Ferritti, già presidente dell'associazione GenitoriChe, che è stata scelta dall'assemblea dei soci per guidare il neonato Coordinamento.


Cosa è il CARE e come è nato?

Il Coordinamento CARE - Coordinamento delle associazioni familiari adottive e affidatarie in rete - è un'associazione di secondo livello (associazione i cui soci sono a loro volta altre associazioni e non persone fisiche) fondata da un gruppo di quindici associazioni familiari che hanno sede in gran parte del territorio nazionale.
L'idea di questo coordinamento è nata un paio di anni fa per iniziativa di Antonio Fatigati, allora presidente di Genitori si diventa onlus, all'indomani della decisione di abbandonare la CAI e revocare il proprio rappresentante all'interno di essa.
Quell'esperienza rafforzò in lui la convinzione della necessità che l'associazionismo familiare venisse adeguatamente rappresentato all'interno delle istituzioni e decise di raccogliere varie realtà presenti sul territorio nazionale affinché l'associazionismo familiare potesse rivestire un ruolo più incisivo nel panorama istituzionale. Ci incontrammo la prima volta nel novembre del 2009 a Bologna e di lì, poiché gli obiettivi delle associazioni intervenute convergevano verso una maggiore rappresentatività, iniziammo a incontrarci, conoscerci e discutere di cosa avremmo potuto fare insieme.

Leggi tutto...
 


Pagina 28 di 28
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest
ado_5.jpg

In evidenza

Banner


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.