Coordinamento CARE

Coordinamento delle Associazioni familiari Adottive e Affidatarie in Rete

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Altre attività Dentro la CAI

Dentro la CAI

gsdIntervista di Luigi Bulotta a Monya Ferritti, presidente del coordinamento CARE, in Adozione e dintorni - GSD informa, n. 7/2012

Lo scorso mese di luglio il ministro Riccardi ha provveduto alla nomina di due nuovi membri della CAI, completando così l’organico previsto. Abbiamo deciso di sentire la voce di questi rappresentanti delle associazioni familiari per sapere chi sono e cosa si propongono di fare in seno alla Commissione nei prossimi tre anni.
Iniziamo questo mese da Monya Ferritti presidente del coordinamento CARE.


Dr.ssa Ferritti, eviterò di chiederle informazioni sul CARE perché ne abbiamo parlato più volte su questo giornale e già ad ottobre abbiamo pubblicato una intervista con lei sull’appena nato Coordinamento. Come giudica questa nomina? Era attesa o è arrivata in maniera inaspettata?

Il CARE ha lavorato molto per preparare il terreno per favorire la nomina, che è stata, quindi, sicuramente auspicata, dunque né attesa né inaspettata. Proprio sull’onda della fuoriuscita del dott. Augurio quale rappresentante delle Associazioni familiari in CAI su mandato di GsD, che il gruppo di associazioni che avrebbe poi dato vita al CARE ha iniziato a incontrarsi nel 2009, in maniera costante. All’ordine del giorno della prima riunione, in cui erano presenti circa 16 associazioni familiari adottive e affidatarie, in crescita nelle successive riunioni, c’era appunto la questione della rappresentatività in CAI delle associazioni familiari. I primi confronti abbiamo cominciato ad averli con il Presidente Giovanardi e sono proseguiti, senz’altro più proficui, con il Presidente Riccardi nel 2012.

Il CARE nel frattempo è cresciuto, si è costituito in associazione di secondo livello nel 2011, dotandosi di uno Statuto e di un organo decisionale e dando garanzia in questo modo di stabilità e capacità di fare rete. Il CARE è oggi la voce di 21 associazioni familiari adottive e affidatarie, in Italia, che con gli oltre 2500 soci e le oltre 5000 famiglie raggiunte sul territorio, con interventi diretti e de visu, costituisce una esperienza unica nel suo genere. l CARE, infatti, attraverso le sue associazioni aderenti, lavora soprattutto negli interventi di post adozione e, in numerose realtà, con interventi nella fase pre adottiva. Gli interventi si possono configurare principalmente con la realizzazione di gruppi di mutuo aiuto e di auto mutuo aiuto, ma non solo.
In sostanza, grazie alla nostra capillarità, eterogeneità e alla profonda conoscenza diretta e concreta delle molteplici realtà locali, il CARE ha una fotografia attuale, realistica e approfondita del sistema delle adozioni internazionali. Credo che il Presidente Riccardi e il suo Staff, con i quali abbiamo avuto più incontri interlocutori, abbiano, con questa scelta, riconosciuto la nostra esperienza e le nostre potenzialità.


Nonostante il poco tempo trascorso dalla sua nomina, si è già fatta un’idea sulle modalità operative della Commissione? Che giudizio esprime su come è organizzata e sul suo funzionamento? Intravvede l’esigenza di cambiare qualcosa?

Ho trovato una Commissione operativa ma con un organico ridotto e quindi con il personale in misura inferiore rispetto alle necessità, in ogni caso motivato e preparato, per quel che ho potuto vedere finora. E’ presto per tracciare giudizi, la nomina è ancora troppo recente e così la mia partecipazione agli appuntamenti della Commissione sono troppo scarsi per generalizzare. In ogni caso ho potuto verificare la capacità di “stare sul pezzo” dei tanti attori della Commissione, sicuramente della sua vice Presidente.
Nella prima seduta della Commissione alla quale ho partecipato ho già fatto presente la necessità di adottare uno stile comunicativo istituzionale più informativo, nelle pagine del portale della CAI, sicuramente molto letto dai futuri genitori adottivi, e che dovrebbe configurarsi come una prima informazione aggiornata e super partes. Il sito della CAI è il punto di partenza per acquisire le informazioni necessarie per le procedure, i costi, la situazione dei paesi durante l’iter dell’adozione internazionale e le informazioni devono essere aggiornate e a disposizione dei cittadini. Non solo. Per quanto difficoltoso in un sito istituzionale, le informazioni sulle attività promosse dalla Commissione, ad esempio gli incontri con le delegazioni estere, la partecipazione a eventi internazionali, ecc. dovrebbero essere adeguatamente segnalate anche per restituire visibilità al lavoro svolto.
A latere credo che si possa, inoltre, avviare una riflessione sulla necessità di modificare le “Linee guida per l’ente autorizzato” risalenti al 2005 e che in seguito alla Delibera 13/2008/SG del 28/10/2008 (“Criteri per l’autorizzazione all’attività degli enti previsti dall’articolo 39-ter della legge 4 maggio 1983, n. 184 e successive modificazioni”) sono da aggiornare, anche in funzione del panorama delle adozioni internazionali decisamente modificato in questi 7 anni.


Quale valore aggiunto può dare la presenza in CAI delle associazioni familiari e in particolare di un loro coordinamento come il CARE? Su cosa verterà il suo impegno all’interno della Commissione per i prossimi tre anni?

Le associazioni familiari sono entrate nella CAI in seguito al nuovo Regolamento voluto dalla Ministro Bindi nel 2007, con la specifica che i tre rappresentanti delle associazioni familiari a carattere nazionale non fossero però espressione di Enti autorizzati per evitare commistioni o ambiguità. E’ stata una grande intuizione della Ministro che ha riconosciuto alle associazioni familiari un ruolo di primo piano nelle politiche delle adozioni. La presenza delle Associazioni familiari in seno alla Commissione è garanzia di un dialogo costante tra tutti gli attori istituzionali, che le associazioni familiari devono interpretare soprattutto in senso culturale ed esperienziale.
Il Coordinamento CARE, in particolare, è molto radicato sui territori dove opera attraverso le associazioni aderenti e raccoglie le istanze delle famiglie italiane che hanno adottato in gran parte dei paesi aperti alle AI, nel tempo, e con la maggior parte degli EA accreditati. Di fatto costituiamo un sistema esperienziale privilegiato e attraverso il quale possiamo far emergere criticità e buone prassi durante il lungo iter che la famiglia compie dal conferimento del mandato all’EA all’arrivo a casa con il proprio figlio. Significativa, inoltre, è la nostra esperienza che segue l’arrivo a casa del bambino e che in alcuni casi è pluridecennale (abbiamo un’associazione socia che festeggia quest’anno i 25 anni di attività), infatti tutte le nostre associazioni sono nate in seguito alla necessità di un gruppo di genitori adottivi di confrontarsi, in maniera costante, gratuita e su base volontaristica, sulla crescita dei figli che hanno avuto un inizio vita diverso dagli altri. In questo senso, l’esperienza delle tante famiglie, che frequentano le sedi delle nostre 21 associazioni, è importantissima anche perché è diacronica e dunque non improntata esclusivamente solo sull’estemporaneità degli avvenimenti, ma possiamo contare, per leggere il sistema delle adozioni internazionali nella sua complessità, su esperienze elaborate nel tempo sia da famiglie che hanno figli adottivi ora adulti sia di famiglie che devono ancora essere abbinate. Il mio impegno si concentrerà soprattutto nel creare e far crescere il dialogo e la collaborazione fra tutti gli attori del processo adottivo: la CAI, gli EA e le famiglie. Credo che sia importantissimo il feedback delle famiglie per migliorare il sistema e fare gli aggiustamenti del caso e sia fondamentale che sia i soci del CARE sia, soprattutto, le tantissime famiglie che non fanno parte di nessuna associazione abbiano l’opportunità di far arrivare la propria voce alla CAI avvalendosi dei rappresentanti nominati. Solo in questo modo sarà possibile dare sostanza ai tanti temi critici che affastellano le adozioni internazionali (età presunte, adozioni di preadolescenti, fratrie divise, ma anche i costi delle adozioni internazionali in Italia, ecc.) e aiutare il sistema a creare soluzioni veloci, adeguate e appropriate.


Nonostante le tante manifestazioni di apprezzamento, la notizia della scelta del CARE in CAI ha sollevato le critiche di alcuni enti autorizzati che hanno lamentato l’eccessiva giovinezza e la scarsa esperienza in ambito adottivo del coordinamento che lei rappresenta. Cosa pensa di queste reazioni e delle osservazioni che sono state mosse alla decisione del ministro Riccardi?

Sono stata informata che c‘è stata intorno alla nomina del CARE una isolata iniziativa di un esiguo gruppo di EA. Mi sembra che lo stesso Ministro non abbia replicato alle critiche che gli sono state rivolte, segnale evidente della debolezza dei contenuti. D’altra parte, però, riesco perfettamente a comprendere l’irrequietezza che è sorta in alcuni EA alla notizia che un Coordinamento di AF così ampio e così territorialmente rappresentato, sia stato nominato rappresentante delle AF in CAI. Pretestuosamente alcuni, pochissimi, EA, rivendicano un doppio ruolo (a volte EA, a volte AF) da recitare a seconda delle occasioni e dei contesti. Ribadisco che l’intuizione della Ministro Bindi nel separare ruoli e funzioni fra EA e AF in CAI è un banale principio di rappresentatività e di democrazia, evidente ai più.

D’altra parte il ruolo degli EA, al momento in Italia, è di primo piano nello svolgimento delle AI e credo che si possano prevedere contesti paralleli di maggiore interconnessione fra i lavori della Commissione e gli EA valorizzando la loro esperienza specifica sui paesi e la loro professionalità sempre nell’interesse del miglioramento del sistema italiano delle AI. Mi sembra evidente che il miglioramento debba intendersi soprattutto sul piano dell’efficacia più che su quello dell’efficienza, e, analogamente, più sul piano della qualità che su quello della quantità. Le manifestazioni di apprezzamento sulla nomina di tanti EA o Coordinamenti di EA mi fa invece ben sperare che si possano trovare e quindi lavorare su punti di sovrapposizione e sui valori comuni più che concentrarsi sulle differenze, che organizzazioni con genesi e obiettivi così diversi (le AF e gli EA) inevitabilmente hanno.


Quali sono le criticità che vede nell’attuale sistema delle adozioni internazionali? 

La criticità maggiore è nel gap che si è creato fra il sistema che è impegnato a realizzare le adozioni internazionali, e dunque far arrivare bambini in Italia, e ciò che accade una volta che l’adozione è conclusa e la famiglia adottiva formata. Le due fasi conseguenti dovrebbero essere vasi comunicanti in modo che il sistema dei nuclei familiari formati possano generare feedback utili al miglioramento del processo delle adozioni internazionali. In questo senso potrebbe essere utile applicare ad un sistema così complesso ed eterogeneo, per migliorare le capacità di governance, un sistema di valutazione di processo.


Miur, CAI, Commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza, Regione Lazio, Istat. Il CARE esiste ufficialmente da pochi mesi e sembra che stia diventando un interlocutore privilegiato per le istituzioni che si occupano di minori. Come dobbiamo interpretare questo riscoperto interesse delle istituzioni per le associazioni familiari?
Le istituzioni in questi esempi che ha riportato, hanno scelto di valorizzare il patrimonio esperienziale delle famiglie che sono dentro alle Associazioni familiari. Alcune di queste istituzioni, inoltre, hanno avviato processi virtuosi di collaborazione in un sistema di sussidiarietà orizzontale. Le istituzioni che sono in grado di attivare processi partecipativi e democratici tra i soggetti che operano in determinati settori con competenze specifiche, riconoscendole e valorizzandole, si configurano come catalizzatori di contributi di natura diversa che poi saranno messi a sistema in un’ottica collaborativa di costruzione delle policies. Il vantaggio è reciproco, per le istituzioni e per la cittadinanza.

 

Il documento si può leggere anche qui

 

smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon
 
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest
10317544_535721079871433_6492482217035423484_o.jpg

In evidenza

Banner


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.