Coordinamento CARE

Coordinamento delle Associazioni familiari Adottive e Affidatarie in Rete

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

CAI: due rappresentanti CARE nella Commissione Adozioni Internazionali

Logo CAIAnna Guerrieri e Monya Ferritti nominate rappresentanti delle associazioni famigliari nella Commissione Adozioni Internazionali

A seguito dell'insediamento di Laura Laera, il 17 luglio 2017 la Commissione Adozioni Internazionali ha pubblicato i nomi dei nuovi commissari. I tre rappresentanti delle associazioni familiari a carattere nazionale sono Monya Ferritti (al secondo mandato) e Anna Guerrieri del Coordinamento CARE e Francesco Bianchini del Forum delle Associazioni Famigliari.
Il Coordinamento CARE è la voce di migliaia e migliaia di famiglie adottive italiane. Siamo lieti di essere presenti come parte attiva e propositiva nella CAI contribuendo con il  valore aggiunto di tipo esperienziale che ci contraddistingue, alle azioni e ai progetti che la Commissione intenederà portare a termine. La promessa a voi tutti è quella di dare il massimo impegno per portare le istanze delle famiglie adottive nei lavori della Commissione, sia di quelle già formate con le necessità del post adozione sia delle famiglie che vogliono portare a termine efficacemente il proprio progetto adottivo. 

Ogni suggerimento sarà apprezzato, saremo lieti di raccogliere le vostre segnalazioni ed i vostri suggerimenti attraverso i nostri canali di comunicazione (mail, telefono e social media)

Leggi tutto...
 

Comunicato stampa - NON POSSIAMO RESTARE SENZA UN MINISTRO DELLA FAMIGLIA

Comunicato Stampa

NON POSSIAMO RESTARE SENZA UN MINISTRO DELLA FAMIGLIA

Le dimissioni del ministro per gli Affari Regionali, Enrico Costa, creano una volta di più un vuoto nelle politiche del governo sui temi della famiglia. Da troppi anni il sostegno alle famiglie gode solo di attenzione periferica mentre dovrebbe sempre essere al centro di ogni agenda politica che voglia incidere sull'equità e il benessere sociale. Il Coordinamento CARE chiede con forza al Presidente del Consiglio Gentiloni che tale istanza venga affrontata con una irrinunciabile e urgente nomina. Sono troppe, infatti, le famiglie adottive e affidatarie che aspettano di trovare ascolto istituzionale ed è di questi giorni la protesta per il mancato rispetto degli accordi con le famiglie che hanno concluso un'adozione internazionale dal 2012 in poi. Accordi che prevedevano un rimborso delle spese sostenute fino al 50% e che sono indispensabili per tutte quelle famiglie che hanno sostenuto spese ingenti.  
 

Roma, 24 luglio 2017

 

La Petizione per il rimborso delle spese adottive raggiunge 7.500 SOSTENITORI

petizione rimborsi 7500 firme

Petizione rimborsi dal 2012: raggiunto il traguardo delle 7.500 firme

Grande risultato per la petizione CARE che chiede un DPCM per rendere possibile il rimborso delle spese adottive alle famiglie che hanno adottato all'estero dal 2012 a oggi. Un costante aumento di sottoscrizioni nel tempo che evidenzia come questa necessità sia particolarmente sentita.

NON CI FERMIAMO! 
Possiamo raggiungere il prossimo traguardo!

FIRMA e CONDIVIDI ANCHE TU !

 

Petizione - Subito il DPCM per il rimborso delle spese adottive dal 2012 a oggi

petizione rimborsi 2012

Petizione diretta al Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni

Subito il decreto del governo (DPCM) per il rimborso delle spese adottive dal 2012 a oggi

PACTA SUNT SERVANDA.
Chiediamo al Presidente del Consiglio e Presidente della Commissione Adozioni Internazionali Gentiloni di rispettare gli accordi con le famiglie che hanno concluso un'adozione internazionale dal 2012 in poi. Gli accordi prevedevano un rimborso delle spese adottive sostenute e certificate fino al 50%. La stessa ministra Boschi aveva dichiarato, nel 2016, una disponibilità di risorse sul fondo adozioni fino a 20 milioni di Euro.

Leggi tutto...
 

Comunicato stampa - PACTA SUNT SERVANDA

Comunicato Stampa

PACTA SUNT SERVANDA

DOVE SONO FINITI I SOLDI DEI RIMBORSI PER LE ADOZIONI INTERNAZIONALI?

Sembra non ci siano i soldi per i rimborsi delle adozioni avvenute dopo l'anno 2011. Eppure qualcosa non torna.
Grazie a un intenso lavoro con Lia Quartapelle nel gennaio 2014 è stata presentata la mozione 1/00326 che impegnava il Governo:

- a reperire le risorse necessarie per erogare i rimborsi relativi alle procedure di adozione ancora in sospeso (anni 2011, 2012, 2013), nonché a stabilizzarli per il futuro, attraverso un aumento delle risorse disponibili per il Fondo per le politiche della famiglia; 

Leggi tutto...
 

Regione Umbria, firmato il Protocollo di Intesa in materia di inserimento scolastico del bambino adottato

Teramo-Stemma

Il 4 luglio 2017 è stato firmato il Protocollo di Intesa in materia di inserimento scolastico del bambino adottato per la Regione Umbria. Il Coordinamento CARE ha partecipato attivamente ai lavori ed hanno firmato il documento: l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, il Comune di Perugia, il Comune di Terni, il Comune di Città di Castello, il Comune di Foligno, l’USL Umbria 1, l’USL Umbria 2. Questo importante protocollo ha la finalità di stabilire una prassi concordata tra le Istituzioni e tutti i soggetti pubblici e privati del territorio interessati alla tematica dell’adozione nazionale e internazionale, per favorire l’accoglienza e l’inserimento nella scuola dei bambini/ragazzi adottati, facendo riferimento alle ormai note “Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio dei ragazzi adottati”.

Leggi tutto...
 

Il CARE si espande! Si unisce a noi l'Associazione A.L.G.A. Onlus

Logo ALGAIl Coordinamento CARE si espande ancora! Accogliamo calorosamente nella nostra grande famiglia A.L.G.A. Onlus - Associazione Libera di Genitori Adottivi di Milano.

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 70
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest
10974495_662888167154723_1887965955832785024_o.jpg

In evidenza

Banner


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento del sito. Se vuoi saperne di più consulta la privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.